Ricordo di Alessandro Liberati

Lunedì, 09 Gennaio 2012 09:51

La SISMEC ricorda il professor Alessandro Liberati


E’ morto, a Bologna, all’età di cinquantasette anni, il professor Alessandro Liberati, professore associato di Statistica Medica della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università’ di Modena e Reggio Emilia. Durante la sua intensa vita professionale ha svolto un ruolo importante nel favorire e promuovere la ricerca e l’innovazione all’interno del Servizio Sanitario Nazionale. Ha sempre sostenuto che per migliorare la ricerca fosse necessario investire sull’integrazione e sulla collaborazione dei vari attori che la caratterizzano, ovvero: i pazienti, i ricercatori, il sistema sanitario, le università. Sviluppare una ricerca indipendente accanto a quella più consolidata di tipo commerciale, valutare le evidenze nella loro complessità, individuare i quesiti di ricerca, stabilire le priorità, pianificare studi testa a testa fra interventi sanitari, promuovere la trasparenza, migliorare la qualità del “reporting” e quella metodologica, sono alcuni dei temi che negli anni hanno caratterizzato il suo pensiero. Le sue considerazioni sull’incertezza in medicina, sugli aspetti etici della ricerca e la profonda riflessione sulla rilevanza e sul ruolo strategico della stessa per il miglioramento dell’assistenza sanitaria sono una parte rilevante dell’enorme eredità culturale che ci lascia.

Roberto D'Amico

Lettera del 19 novembre 2011 di Alessandro Liberati su The Lancet